le sei regole per un espresso

LE SEI REGOLE PER UN ESPRESSO

LE SEI REGOLE PER UN ESPRESSO

Il caffè espresso si prepara grazie ad una apposita macchina in cui avviene un processo di infusione in acqua calda sotto alta pressione. La parola «espresso» significa «caffè preparato nel momento i cui una persona lo richiede», per cui servito velocemente.

Ma come si può ottenere un buon caffè espresso con la propria macchina di casa? Ci sono alcuni parametri che ne condizionano la qualità.

LE SEI REGOLE DA SEGUIRE

Per ottenere un caffè espresso a regola d’arte, e lasciare senza parole i vostri ospiti, è necessario prestare attenzione a:

LA MISCELA DI CAFFÈ

Le miscele sono la ricetta di un caffè, che mescolano diverse varietà studiate per ottenere un determinato sapore. La scelta della miscela dipende principalmente dai gusti personali, ma in generale una buona miscela non può essere composta da meno di cinque o sei tipi di caffè diversi.

LA MACINATURA

A seconda della grandezza dei grani del caffè macinato si ottiene un espresso diverso, in quanto dalla macinatura dipende la solubilità della polvere di caffè. Se la macinatura è grossa si ottiene generalmente un caffè più leggero, perché i grani sono meno solubili, con una minore estrazione degli aromi. Da una macinatura molto fine, al contrario, deriva un caffè più denso e dal sapore più intenso.

LA DOSATURA

La dosatura esatta del caffè è fondamentale per un ottenere un buon prodotto. La quantità ideale e la dose standard corrispondono a sette – otto grammi di polvere a tazzina. Con le macchine di oggi è possibile impostare il valore relativo alla quantità da erogare, sia con la macchina del caffè a cialda, che con la macchina del caffè in polvere.

LA PRESSIONE E LA TEMPERATURA DELL’ACQUA

Anche la pressione esercitata dalla macchina del caffè ha un effetto sulla resa del liquido in tazza, così come l’acqua. Quest’ultima deve essere ben calda, tra gli 80 e i 90 gradi. Oltre alla temperatura, anche la qualità dell’acqua deve essere tenuta sotto controllo. Ad esempio, se si utilizza l’acqua del rubinetto, quest’ultima deve passare attraverso un sistema di filtraggio.

IL TEMPO DI ESTRAZIONE

Anche il tempo di estrazione condiziona la qualità del caffè, non può superare i 30 secondi. Si dovrebbero estrarre 25-30 ml di caffè in 25-30 secondi di tempo per ottenere un espresso dal sapore intenso. Se il caffè viene estratto per meno di 30 secondi si dice «sottoestratto», ottenendo un caffè che non sprigiona tutti i suoi aromi. In questo caso il risultato è un caffè poco corposo e con poca crema; se si superano i 30 secondi il caffè si dice «sovraestratto» e può assumere un sapore amarognolo.

LA MANUTENZIONE DELLA MACCHINA

La macchina del caffè deve essere sempre perfettamente pulita, in particolare i filtri e i porta filtri, che vanno lavati senza sapone e lasciati a bagno nell’acqua per tutta la notte, per rilasciare ogni residuo di caffè. Anche le guarnizioni devono essere periodicamente controllate e sostituite quando necessario.

siti amici

 

manutenzione